Prendi il tuo tempo

Da quando aspetto un bambino è come se il mio cervello si fosse resettato. All'improvviso niente è diventato più importante di noi e della nostra tranquillità. Fortunatamente non devo timbrare il cartellino e ho iniziato a vivere e a prendere la quotidianità  con calma. Prima ero una furia. Se mi fermo un istante a pensarci su non riesco ad immaginare come potessi lavorare per 15 ore al giorno senza rendermi conto di quello che mi stessi perdendo intorno a me. Una delle cose che ho riscoperto ad esempio, è andare in piscina dopo il lavoro. Non che non facessi sport. Andavo in palestra in pausa pranzo oppure avevo la fortuna di poter fare sport in ufficio. Ma che frenesia! Sembrava di non staccare mai. Ieri ad esempio è stato bellissimo nuotare al tramonto nella piscina scoperta vicino casa. L'acqua era caldissima, il sole stava andando via, il cielo si faceva a poco a poco arancio, non sarei mai uscita dall'acqua. PSe non fosse che dopo una mezz'ora mi sono venuti i crampi 🙁 so che è più o meno normale quindi pazienza.

Prendetevi i vostri tempi e non vi arrabbiate se non riuscite a fare tutto quello che facevate prima. A me all'inizio capitava di non capire come mai dopo un po' che stavo seduta davanti al computer venisse un sonno tremendo, poi ho capito, una vita si stava formando dentro di me e avevo bisogno di ricaricare le batterie.
Il mio consiglio è: prendetevi il vostro tempo. Io lo sto facendo!

Nessun commento ancora

Commenta